Balestrate

Case a nomadi, ancora polemiche

Continuano le prese di posizione contro il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, per la scelta di sistemare in due villette confiscate alcune famiglie Rom che per ora sono nel campo della Favorita che andrà chiuso. Gli esponenti di 'DiventeràBellissima' Domenico Bonanno e Eduardo De Filippis dicono: "Il sindaco dimostra ogni giorno di più il suo totale distacco dalla realtà che cittadini e residenti sono costretti a vivere quotidianamente e non fa altro che dimostrare arroganza politica ed amministrativa sottraendosi al confronto ed imponendo le sue scelte dall'alto". Tony Rizzotto, deputato regionale della Lega afferma: "La doverosa dismissione del campo rom della Favorita da parte dell'amministrazione comunale di Palermo non dovrà assolutamente trovare soluzione con l'assegnazione delle ville sequestrate alla mafia in via Felice Emma". E intanto a Marsala (Tp) compaiono sui muri scritte nazifasciste: ''Boia chi mola'' ''Ss'', svastiche e ''Militia''.

ARTICOLI CORRELATI

Altre notizie